Ultime guide

Per quanto tempo conservare ricevute e bollettini?

Obiettivo lavoro: uno sguardo sul mercato occupazionale

L'economia al femminile

Guida al conto corrente

Risparmio
Clausole vessatorie, una guida

4. Ogni condizione contenuta nel contratto stipulato tra consumatori e professionista deve considerarsi pienamente valida ed efficace nei confronti delle parti nel momento in cui vi appongono in calce le proprie firme. Condizione ottimale per la stipula di un contratto sarebbe che le parti fossero a piena conoscenza e avessero preso piena visione delle clausole contenute nel documento, ma non è sempre così. I requisiti per la corretta lettura di un contratto sono contenuti all'Art. 34 del Codice del Consumo, secondo cui, innanzitutto, sarebbe opportuno considerare in quale contesto sia inserita la clausola vessatoria. Per avere un'idea completa del contratto infatti si dovrebbe tener in considerazione che a fronte di una clausola vessatoria a volte ci possono essere dei vantaggi per il sottoscrittore. Altra condizione da non sottovalutare è sicuramente la condizione nella quale il contratto viene sottoscritto.

La cosa più importante da fare è verificare che dietro i termini tecnici utilizzati nel contratto per descrivere situazioni, eventi, ecc., ci siano le condizioni più vicine alle nostre esigenze.

L'Art. 35 del Codice al Consumo in realtà non prescrive alcuna regola formale per la stesura del regolamento contrattuale tra professionista e consumatore, limitandosi ad indicare l'obbligo di rispettare i requisiti della chiarezza e comprensibilità.

La legge identifica con chiarezza due distinte e ben precise caratteristiche:

    •    la leggibilità grafica
    •    l'intelligibilità dei contenuti attraverso l'utilizzo di un linguaggio semplice privo di trabocchetti.

Il contratto vocale
Alcune tipologie di contratto possono essere stipulate oralmente, la regola generale per i contratti è infatti la libertà di forma. Il contratto è un patto, non necessariamente un documento. In questi casi però non si parla propriamente di contratto quanto di Verbal Ordering. I Verbal Ordering sono ordinativi seguiti poi da un contratto cartaceo che dovrà essere firmato e rispedito alla società di turno.

In questo genere di contratti però il consumatore ha diritto a ricevere a casa una copia scritta del contratto e, una volta presane visione, nel caso in cui non sottoscriva tutte le condizioni elencate, può deciderne la rescissione. Stando ad un regolamento emanato dall'Authority per le comunicazioni l'utente ha a disposizione 10 giorni per il recesso del servizio a partire dal momento di ricevimento del modulo di accettazione.

Nel caso dei verbal ordering sono inefficaci le eventuali clausole vessatorie (come quelle che stabiliscono una penalità in caso di inadempimento o un rinnovo tacito o che impongano di rivolgersi ad un determinato tribunale per qualsiasi controversia nascente dal contratto, ecc.).

di FTA online

Per accedere ai servizi effettua il login

Sei un nuovo utente? Registrati

Segui Tiscali Finanza su:

MUTUI
ASSICURAZIONI
PRESTITI
 
Confronta pił assicurazioni e risparmia
Marca auto
Assicurazioni on line by cercassicurazioni.it
MUTUI
ASSICURAZIONI
PRESTITI
 
Richiedi online il tuo mutuo e risparmia
Valore immobile  Euro
mutui prima casa by
MutuiOnline.it
MUTUI
ASSICURAZIONI
PRESTITI
 
Richiedi online il tuo prestito e risparmi
Importo da finanziare   €
prestiti by
PrestitiOnline.it

Cerca le aziende e servizi della tua citta'

Sei a:
Cerca:
© Tiscali Italia S.p.A. 2014  P.IVA 02508100928 | Dati Sociali