Ultime guide

Per quanto tempo conservare ricevute e bollettini?

L'economia al femminile

Guida al conto corrente

Lavoro
Obiettivo lavoro uno sguardo sul mercato occupazionale

4. 

Tra i molti problemi del mercato del lavoro italiano, uno dei più fastidiosi è sicuramente quello delle disparità – ancora presenti sia in termini di trattamento economico sia di opportunità di occupazione – tra uomini e donne. Secondo i dati Istat, nel nostro Paese la partecipazione delle donne alla vita economica è "persistentemente inferiore" a quella che si registra nel resto d'Europa (dove il tasso di occupazione femminile è pari al 58,3%) di circa 12 punti percentuali, lasciando all'Italia il ruolo di fanalino di coda del continente in tale settore.

Nell'ambito dell'Europa a 27, il nostro Paese – dopo Malta – è quello con i più bassi livelli di occupazione femminile (46,6% il dato italiano, 58,3% la media europea). Particolarmente odioso, poi, è notare come la difficoltà a trovare lavoro per le italiane cresca all'aumentare del numero dei figli: il 27 % delle donne che lavorano lascia il posto dopo la prima gravidanza; un altro 15% non rientra dopo il secondo figlio. Una situazione che non trova eguali in Europa.

In un quadro generalmente negativo per l'occupazione rosa, bisogna però rilevare che, nell'ultimo decennio, l'Italia è tra i Paesi in cui si è verificato il maggiore incremento occupazionale femminile (+7% rispetto al 2000). Per una statistica buona, non si fatica tuttavia a trovarne una ampiamente negativa: le donne italiane trovano impiego soprattutto nei settori in cui i salari sono inferiori, incontrando ancora resistenze nell'accesso a professioni per cui la retribuzione è più elevata.

Quali sono i settori dove si concentra di più la forza lavoro rosa? Le donne sono impiegate prevalentemente nei servizi, nel personale domestico, nel settore sanitario, negli alberghi e ristoranti, nelle attività impiegatizie e amministrative del terziario, ma anche come colf e badanti. Secondo la rilevazione trimestrale della forza lavoro effettuata dall'Istat, inoltre, in Italia risultano circa 8 milioni di casalinghe.

Desolante, poi, è la statistica che riguarda il divario retributivo a parità di mansione svolta: un medico donna, per esempio, percepisce in media 51.600 euro all'anno, una retribuzione inferiore dell'11,5%a quella maschile.

di FTA online

Per accedere ai servizi effettua il login

Sei un nuovo utente? Registrati

Segui Tiscali Finanza su:

MUTUI
ASSICURAZIONI
PRESTITI
 
Confronta pił assicurazioni e risparmia
Marca auto
Assicurazioni on line by cercassicurazioni.it
MUTUI
ASSICURAZIONI
PRESTITI
 
Richiedi online il tuo mutuo e risparmia
Valore immobile  Euro
mutui prima casa by
MutuiOnline.it
MUTUI
ASSICURAZIONI
PRESTITI
 
Richiedi online il tuo prestito e risparmi
Importo da finanziare   €
prestiti by
PrestitiOnline.it

Cerca le aziende e servizi della tua citta'

Sei a:
Cerca:
© Tiscali Italia S.p.A. 2014  P.IVA 02508100928 | Dati Sociali